CORONAVIRUS: ECCO TUTTE LE NOVITÀ NEL MONDO FERROVIARIO

treni coronavirus

A seguito dell’emergenza Coronavirus in Italia, Trenitalia e Italo hanno provveduto ad attivare particolari procedure volte a garantire la prevenzione e la gestione di situazioni riconducibili a possibili casi.

Entrambi comunque tengono a precisare che finora non sono state riscontrate problematiche sulla circolazione ferroviaria.

Mascherine e disinfettante saranno regolarmente disposti a bordo di tutti i treni, sia in quelli regionali che in quelli con tratte di media-lunga durata, in ottemperanza alle misure approvate in data 22 Febbraio 2020 dal Consiglio dei Ministri mediante le quali è stato varato il Decreto legge in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019.

CORONAVIRUS: LE MISURE PREVISTE SUI TRENI

Trenitalia a seguito del Decreto emesso dal Governo ha disposto l’incremento delle attività di pulizia a bordo dei treni del gruppo Trenitalia; l’installazione di dispenser forniti di disinfettanti, guanti e mascherine; messaggi da comunicare ai passeggeri in viaggio sulle disposizioni da seguire attraverso pieghevoli illustrativi e sui monitor dei treni regionali e delle Frecce.

Il personale dipendente sarà aggiornato su tutte le procedure da attuare durante le tratte al fine di prevenire qualsiasi problema.

REVOCATA LA DECISIONE DEL BRENNERO PER IL CORONAVIRUS

La decisione presa dall’Austria di imporre lo stop alla circolazione ferroviaria con l’Italia ha avuto vita breve. Si apprende infatti che la decisione è stata recentemente revocata e le regolari tratte con l’Austria sono state ripristinate. Gli spostamenti in Italia ultimamente erano risultati difficoltosi tra blocchi dei treni e psicosi tra passeggeri che non di rado hanno dato falsi allarmi generando disagi e lunghe attese. L’attenzione resta alta ma applicando le regolari misure cautelari, si punta ad assicurare il maggior numero possibile di tratte nel nostro Paese.

CORONAVIRUS A BORDO: ATTENZIONE ALLA PSICOSI

In questi giorni sta dilagando la psicosi da Coronavirus, tra falsi allarmi spesso anche a bordo dei treni.

Sul Fracci rossa 9406 proveniente da Napoli Centrale e diretto a Venezia Santa Lucia, si è improvvisamente generata un’ondata di panico a seguito della richiesta di alcuni passeggeri al capotreno di effettuare dei controlli medici su un gruppo di persone asiatiche a bordo del loro stesso vagone. Il capotreno è stato così costretto a fermare il treno e ad allertare la Polfer ed il personale sanitario. 

Come spesso accade il passaparola incontrollato ha generato confusione e panico, mentre si vociferava che uno dei passeggeri si fosse sentito male in quegli istanti. La notizia è risultata in seguito falsa, e i controlli a bordo del treno sui passeggeri asiatici hanno dato tutti esito negativo.